Ciò che accadde alla scuola Diaz di Genova la notte del 21 luglio 2001 “deve essere qualificato come tortura”: l’Italia va condannata per il massacro dei manifestanti e per non avere ancora una legge adeguata a punire il reato di tortura. Lo ha stabilito la Corte Europea per i diritti umani di Strasburgo, con una sentenza emessa qualche giorno fa. In particolare, si segnala la violazione dell’articolo 3 sul «divieto di tortura e di trattamenti inumani o degradanti». La sentenza europea è netta sulle responsabilità: «Tenuto conto della gravità dei fatti avvenuti alla Diaz la risposta delle autorità italiane è stata inadeguata». E ancora: «La polizia italiana ha potuto impunemente rifiutare alle autorità competenti la necessaria collaborazione per identificare gli agenti che potevano essere implicati negli atti di tortura». La sentenza della Corte di Strasburgo è il risultato del ricorso di Arnaldo Cestaro, oggi 76enne: quella notte era alla Diaz e fu una delle 87 persone massacrate e ferite – su 93 che furono arrestati. «Dopo aver sottolineato il carattere strutturale del problema – si legge ancora nel dispositivo – la Corte ricorda che, per quanto riguarda le misure per rimediare, gli obblighi positivi che spettano allo Stato italiano in merito all’articolo 3, possono comporre un quadro giuridico appropriato, anche attraverso disposizioni penali efficaci».

Non ci sono giudici, né corti, né tribunali, né giudizi postumi, né risarcimenti che possono cancellare l’orrore di quelle giornate e di quella notte, in particolare. Giorni in cui si affossò un ampio e trasversale movimento di giovani che a Genova si era palesato con grande potenza. Giorni crudeli e violenti, tra delegittimazione e repressione, sempre la stessa, immancabile repressione fatta scattare contro chi prova a sollevarsi.

Ricordiamo, con il breve urlo indignato di questo filmato di NomadeTv24, Scuola Diaz e Moltitudini

Immagine in apertura: “Massacro alla scuola Diaz”, disegno di Dario Fo

Print Friendly