Il porto di Calais, cancello di ingresso alla Gran Bretagna, è stato teatro in questi mesi dell’arrivo di molti di quei profughi che le stesse guerre di Francia e Gran Bretagna hanno generato. È il punto di approdo di una multiculturalità ricchissima, occasione più unica che rara per sperimentare processi di “melting pot”, pur nella gravità e precarietà della situazione, tra condizioni di sopravvivenza estreme e repressione degli apparati di polizia.

Un gruppo di musicologi della Soas (School of Orental and African Studies) di Londra si è mobilitato a sostegno dei profughi e ha cercato di registrare e studiare i differenti orientamenti culturali e sociali proprio partendo dalla produzione musicale che si sviluppa nel campo. Questa è la cronaca di  tale originale e interessantissima esperienza.

* * * * *

Per leggere, cliccare qui

‘SOAS GOES TO CALAIS’ – Perspectives on radical ethnomusicology

 

Immagine in apertura: London calling e, sullo sfondo, un’opera di Banksy, disegnata nel campo di Calais.

Print Friendly