Situazione europea, elezioni  e prospettive alternative

Pubblichiamo la seconda parte dell’intervista a Christian Marazzi, a cura di Andrea Fumagalli e Stefano Lucarelli. I temi trattati riguardano essenzialmente la situazione economica e politica dell’Europa. In vista del convegno sulla Moneta del Comune del prossimo 21-22 giugno, organizzato da Effimera a Milano.

 * * * * *

Stefano Lucarelli: a Davos, Axel Weber, ex governatore della Bundesbank e attualmente  presidente di UBS (Unione delle Banche Svizzere, una delle 10 multinazionali della finanza più potenti, ndr.), ha rilasciato una dichiarazione un po’ fuori dal coro che è tuttavia significativa: “L’Europa è sotto scacco. Sono ancora molto preoccupato. La situazione dei mercati è migliorata, ma non l’economia reale della maggior parte dei paesi. I mercati stanno ora sottovalutando i rischi, specialmente in periferia. Mi aspetto che alcune banche non riescano a passare i test nonostante la pressione politica. Non appena ciò diventerà evidente, ci sarà una reazione finanziaria nei mercati”. Questa affermazione va di pari passo con quella frase che è scappata alla Merkel a dicembre, ripresa solo da Le Monde e da Jacques Sapir: “Presto o tardi, senza la coesione necessaria, la moneta esploderà”: Sapir commenta sul suo blog: “Tutto ciò che la Germania propone ai suoi partner sono dei ‘contratti’ che li portano a sostenere la totalità dei costi d’aggiustamento necessari per la sopravvivenza dell’euro, mentre essa sola trarrà profitti dalla moneta unica. Ma tali contratti non faranno altro che spingere l’Europa del sud e la Francia verso una recessione storica”.

Quindi il problema  della calma apparente è ben presente nella testa di chi si trova a ragionare sul tipo di assetto che bisogna dare per governare un’instabilità che in Europa è comunque un’instabilità politica. E in tal senso la frase di Weber stava tenendo conto di quello che diceva Christian Marazzi, nei giorni in cui i dati sull’export tedesco di novembre erano ancora in rialzo e ciò sembrava incoerente con la rivalutazione dell’euro stesso, con il rischio che si sviluppasse una bolla dell’euro. Ora con il calo dell’export tedesco a partire da dicembre 2013 e di quello italiano, si verifica un’inversione che (guardando ai dati di febbraio e marzo 2014, ndr) appare un segnale proprio di un processo più strutturale che congiunturale.

Andrea Fumagalli:  sull’eventuale convergenza o meno della politica monetaria statunitense e quella della Bce, Draghi da un anno e mezzo si comporta in modo opposte alle sue dichiarazioni, a differenza della politica monetaria americana (che lancia messaggi “performativi”), che (come abbiamo discusso nella parte I di questa chiacchierata, ndr.) , in modo apparentemente contraddittorio, si prefigge invece di mantenere  basso il tasso di interesse e allo stesso tempo diminuire il tasso di crescita della moneta. Draghi, invece, fa una serie di annunci del tipo:  “la crisi non è finita, c’è una situazione di stallo, una situazione critica, bisogna continuare con le politiche di stabilità del debito pubblico”, ma in realtà da un anno e mezzo, e in maniera contraddittoria con le sue stesse dichiarazioni, ha iniettato dai 1200 ai 1400 miliardi di euro in maniera indiretta sui mercati secondari. Solo recentemente Draghi ha ufficializzato tale strategia, iniziata già nel 2012, parlando di interventi “non convenzionali” di politica monetaria. La svolta è avvenuta a inizio 2014, una volta ottenuto il placet della Germania, quando, guarda caso, per l’economia tedesca il traino dell’export è diminuito. Tuttavia, tale iniezione indiretta di liquidità non è andato a sostenere la crescita e il finanziamento alle imprese ma è stato sostanzialmente incapsulato dallo steso sistema creditizio finanziario, in particolare dalle banche francesi e tedesche, per rifarsi delle perdite subite dai crediti inesigibili relativi ai bond greci. Parallelamente, tale liquidita risulta estremamente utile, da un lato, in vista degli stress–test e degli esami che la costituzione dell’unione bancaria europea impone sulla struttura patrimoniale delle banche, e, dall’altro, per favorire l’acquisto dei titoli del debito sovrano, al fine di dimnuire lo spread (come è avvenuto in questi mesi). Obiettivo di Draghi in questi ultimi due anni è stato di mantenere quella coesione monetaria che impedisse all’euro di implodere, sotto l’egida del comando finanziario. È una coesione monetaria alla quale non corrisponde una coesione sociale e politica. Quindi di fatto la politica monetaria europea è stata in linea con quella della FED. L’unica contrapposizione, indicata dalla governatrice della FED, è il rischio che si entri in competizione tra area dollaro e area euro per accaparrarsi i capitali che vengono dai paesi emergenti. Tale rischio è basso fintanto che il flusso dei capitali in entrata è cospicuo. Finora il flusso dei capitali che è andato negli USA è di gran lunga superiore a quello che è andato nell’euro, però le borse dell’area euro hanno potuto beneficiare  di circa 600 miliardi. Credo che si entri in una competizione che si può sviluppare proprio perché si persegue la stessa di politica monetaria, in un contesto di forte divergenza della politica fiscale. Da questo punto di vista, ciò che chiamavo convenzione monetaria si sposa con le convenzioni finanziarie. Chiederei a Marazzi se vi è la possibilità che si sviluppi una bolla speculativa sull’euro, legata all’eccessiva rivalutazione dell’euro. Ciò che mi pare di vedere dietro al rischio che ci sia un eccesso di attenzione sull’euro è il fatto che, fuori dall’Europa e fuori dagli Stati Uniti, nei paesi maggiormente colpiti dalla crisi finanziaria degli ultimi anni, si stanno sviluppando fenomeni di forte instabilità: crisi e tensioni valutarie in America latina (vedi il real brasiliano e soprattutto il peso argentino), in India, (rupia), in Indonesiana, in Turchia e pure in Russia.

A ciò si aggiunge un crescente rischio di insolvenza, quindi una situazione di potenziale “panico”, in Cina per quanto riguarda il mercato creditizio di quel paese, con un forte sviluppo negli ultimi anni del mercato ombra cinese, in seguito anche al ruolo che hanno avuto molti strumenti monetari innovativi come i Bitcoin. Inoltre, l’aumento dei tassi di interesse in Cina e in India crea il rischio di insolvenza nei flussi interbancari di quei paesi. Il rischio è maggiore in India che in Cina per il semplice fatto che c’è la gabbia della Banca centrale cinese (che non a caso ha bloccato la circolazione “ufficiale” dei Bitcoin, ndr). Ma se lo sviluppo del mercato ombra creditizio cinese, in seguito alla dinamica economica cinese, fuoriesce dal controllo, il rischio che scoppi una bolla creditizia in Cina è abbastanza elevato. Già alcuni segnali, relative a alcune compagnie di assicurazioni, sono in atto. A fronte di questa situazione, è chiaro che in una finanza globale, caratterizzata da una concentrazione che vede una quindicina di grandi finanziarie multinazionali gestire e spostare ingenti flussi di capitale con la gestione dei propri portafogli, questo favorisce ulteriormente il flusso di capitale verso l’Europa, malgrado la propria economia reale non brilli, e verso gli USA. E’ un bilanciamento che, tuttavia, non crea stabilità. Se può nascere una bolla sull’euro, è in seguito allo scoppio di una situazione di forte instabilità fuori dall’euro, i mercati latinoamericani e i mercati del sudest asiatico…

SL: Se l’euro si rivaluterà ancora di più, ciò però non garantisce l’esplosione della bolla, garantirebbe un flusso di capitale che paradossalmente potrebbe persino…

AF: Tutto ciò, poi, si innesta in un processo deflattivo: in una situazione di tassi di interesse molto bassi, il valore reale del tasso di interesse tende comunque a aumentare, con l’effetto di aumentare e creare una redditività sui titoli di stato, a parità di inflazione. Ma se il tasso di interesse rimane invariato, come sta accadendo, ma contemporaneamente l’inflazione a livello europeo passa da 2,4 all’1,2 %, si guadagna un 1% netto in termini reali sul possesso di bond del debito sovrano. E’ quindi possibile mantenere elementi di redditività sull’attività finanziaria sui titoli sovrani anche con bassi tassi di interesse.

CM: Sono d’accordo con quanto dite, ma credo che comunque dobbiamo cercare di reinquadrare questo famoso problema della governance o meno di questa crisi. A me sembra che per i prossimi mesi e forse anni, questo tentativo di gestire l’uscita dalla crisi, o comunque la crisi, in termini monetari, in termini di creazione di liquidità, sia destinato a perdurare. Quindi vedo con molta difficoltà un tentativo di uscita dalla crisi sulla base dei soli dati reali: assistiamo a un flebile aumento del PIL in Spagna, in Germania (ma non in Italia).  Ciò dovrebbe portare a una restrizione nelle politiche creditizie, e questo non credo proprio che succederà.

Però, secondo punto, mi sembra che sia evidente che la politica monetaria non è in grado di innescare un’uscita dalla crisi, svolge meramente una funzione di tappabuchi. Il trickle–down, questo sgocciolamento non c’è, quindi siamo in una situazione che possiamo chiamare di trappola della liquidità, per dirla in termini classicamente keynesiani, che di fatto impedisce di uscire dalla crisi, anche perché le diseguaglianze si stanno ampliando a dismisura. Il paradosso di queste politiche monetarie è che più l’economia reale va male, più i mercati finanziari vanno bene. Se si considera la politica monetaria della FED, ogni qualvolta si parla di riduzione del tasso di disoccupazione che nell’immaginario dei mercati finanziari dovrebbe significare un miglioramento dell’economia reale – il che non è sicuramente certo (come abbiamo già discusso, ndr.)  –ci si aspetta una restrizione della politica monetaria. E questo destabilizza i mercati finanziari. Essi, infatti, funzionano fintanto che l’economia reale va male, perché il fatto che vada male significa che le autorità monetarie inietteranno liquidità, e la liquidità iniettata è funzionale ai mercati finanziari. Quindi il paradosso attuale – mi riferisco ai dati che Fumagalli riportava su questi record degli indici Dow Jones e di tutti i mercati finanziari del mondo, è che quest’ultimi funzionano nella misura in cui non funziona l’economia reale.

In questo mancato “sgocciolamento” di liquidità dai mercati finanziari all’economia reale, l’unica effetto che si può constatare è un aumento della povertà, difficile vederne un altro. Le politiche di riduzione dei salari, dell’occupazione, delle prestazioni sociali, del welfare sono all’ordine del giorno ancora oggi in Europa (vedi approvazione del Jobs Act in Italia, ndr.). E ciò non fa che aggravare queste disuguaglianze che, non a caso, sono aumentate in modo pazzesco negli ultimi 5/6 anni: gli stessi Financial Time ed Economist, dal loro punto di vista, si preoccupano di questa tendenza che porta all’esplosione della povertà. Ed è in questo scenario che ci si avvicina alle elezioni europee, un momento credo importante anche se non so fino a che punto.

AF: Quanto l’appuntamento elettorale europeo può rappresentare un momento di riflessione e di analisi, per avviare un cambiamento di rotta rispetto alle politiche economiche che sono state perseguite negli ultimi cinque anni, (caratterizzate da una serie di diktat basati sulle politiche di risanamento pubblico, privatizzazione e riduzione più o meno efficiente o selvaggia della spesa pubblica, aumento dei livelli di tassazione, con effetti negativi sul livello della domanda aggregata e sulla dinamica dei consumi e di aumento della diseguaglianza nella distribuzione del reddito come effetti della politica di austerity)? Quanto questo appuntamento elettorale può rappresentare, o può essere un momento in cui queste politiche possono essere messe in discussione o almeno creare le premesse per un loro allentamento? Oppure ribadiscono una continuità?

CM: Io penso che sia importante questa scadenza perché mette in moto dei processi di riflessione, di alleanze e di dibattito. Penso che la cosa più importante sia di definire l’Europa come il livello sul quale occorre porsi. Se riusciamo a raggiungere questo risultato, al di là di come andranno le elezioni, ma facendo di questa scadenza un momento di definizione dell’Europa come terreno di elaborazione di strategie e di programmi, mi sembrerebbe già un risultato importante. In sé non credo francamente che queste elezioni saranno in grado non dico di invertire ma di rallentare più di tanto queste politiche di austerità, anche perché il parlamento europeo ha un peso specifico vicino allo zero, come i tassi di interesse. Lì sono altre le dinamiche e le logiche, è la commissione europea, è la BCE, insomma è la trojka che decidono in funzione dei mercati finanziari.

La cosa che va affrontata, ma credo che ne siamo consapevoli