Una tavola rotonda il 21 luglio alle ore 15 a Venaus

Nel pomeriggio e nella serata del 21 luglio a Venaus, a poche ore dall’inizio del Festival dell’Alta Felicità promosso dal Movimento NoTav di concerto con le istituzioni locali, si terrà una tavola rotonda sul tema: “Ricerca e movimenti: quando si congiungono scatta la repressione”.

Molti gli invitati e le invitate, tante le voci che si esprimeranno e si confronteranno su un tema centrale: la libertà di pensiero e la libertà di espressione e di ricerca, la libertà di azione, di attivazione, il diritto a muoversi nei movimenti e a fare politica, la necessità di mantenere costanti inter-relazioni con i territori e le realtà sociali. Senza tali collegamenti il pensiero, semplicemente, muore.

Effimera è tra gli organizzatori di questo confronto, nato a partire dall’appello lanciato, dopo la condanna emessa dalla Procura di Torino, di Roberta Chiroli, connessa al contenuto della sua tesi di laurea in antropologia. L’appello ha raccolto al momento 2300 firme. Saranno presenti alla tavola rotonda anche rappresentanti della Associazione nazionale universitaria degli antropologi culturali e della Associazione nazionale professionale italiana di antropologia.

A partire dalla vicenda, Effimera ha pubblicato altri articoli, qui, qui e qui e qui.

Interverrano, tra gli altri

Sabrina Tosi Cambini (Università di Verona e ANUAC)
Francesco Caruso (Università di Catanzaro)
Mario Clerico (Politecnico di Torino)
Valentina Colletta (avv. Legal Team)
Giovanni Giovannelli (Avvocato del lavoro)
Fanca Maltese (Univ. Calabria)
Luca Mercalli (Metereologco)
Salvatore Palidda (Univ. Genova)
Gianni Piazza (Università di Catania)
Marco Revelli (Univ. Piemonte Orientale)
Pietro Saitta (Università di Messina)
Valeria Verdolini (Ass.. Antigone)
Massimo Zucchetti (Politecnico di Torino)
Un rappresentante di ANPIA

 

dibattito21

 

Print Friendly